A salvaguardia del territorio
e delle persone che lo abitano


Copyright © Danilo D'Antonio 12/01/40 - Alcuni diritti concessi - Original



La nostra bella terra d'Italia è stata sommersa, non solo in passato ma ancor più negli ultimi anni, da immense colate di cemento. Non si può più rimanere in silenzio di fronte all'annichilimento biologico ed estetico di un territorio che faceva del nostro un Bel Paese rinomato nel mondo. Essendo noi tutti parte di un sistema complesso, con interazioni che ormai coinvolgono l'intero globo, occorre però innanzitutto acquisire una visione altrettanto globale, per comprendere bene quanto accaduto ed accade. Solo così si potrà poi individuare la strategia più indicata per invertire il fenomeno.


Iniziando la nostra osservazione dall'Italia, notiamo che questa, a causa dei suoi trascorsi istinti d'invasione imperialista, ha una elevata densità demografica da circa un secolo. In passato, col basso livello economico d'allora, questa critica situazione non aveva condotto ad altri fenomeni se non a continue ondate migratorie. In seguito, però, col crescere dell'economia e della tecnologia e con l'ulteriore aumento della popolazione, tale difficile condizione si è manifestata in tutta la sua virulenza. Cementificazione selvaggia, inquinamento, esaurimento delle già limitate risorse interne, riduzione delle aree a disposizione collettiva e personale. Tutto ciò ha caratterizzato la prima fase del complessivo fenomeno che stiamo analizzando.

In una seconda fase, si è avuto il passaggio di interi altri continenti da un sistema socio/politico/economico locale e rurale ad un nuovo sistema di scambio globale e produzione industriale. Ed a questo punto occorre notare un aspetto d'importanza vitale: i vari Paesi, e confederazioni, da quando non possono più ricorrere alla guerra per affermarsi su, o difendersi da, altri Paesi, per evidenti ragioni derivanti dall'avvento delle armi nucleari, hanno deviato e concentrato in ambito economico questo loro continuo confronto di potere.

Ed infatti è propria questa continua rincorsa, sostanzialmente a scopo di difesa, che costringe vari Paesi, che pure hanno già raggiunto un buon livello economico, come appunto l'Italia, a continuare una raffazzonata crescita ad oltranza piuttosto che migliorare le condizioni acquisite. L'Italia, l'Europa, il mondo intero sono oggi costretti a crescere sempre più, appunto ed esattamente per non soccombere nel confronto globale, sempre più serrato e sempre più prossimo ad una ulteriore fase finale. Senza contare che l'economia di Paesi già affermati come l'Italia continua a crescere anche perché semplicemente spinta dalla crescita delle economie emergenti. Anche se non si volesse continuare a crescere, le interazioni economiche già avviate condurrebbero inevitabilmente il nostro Paese a crescere comunque.


Da notare infine che elemento determinante ed all'origine di tutto, in questo complesso ed inscindibile sistema, purtroppo ancora per nulla studiato in un'unica visione organica e con i mezzi della ricerca interdisciplinare a causa della tragica mancanza non solo di persone preparate ma perfino di corsi di studio già strutturati, è una iper crescita globale della popolazione. Questa, se in Italia continua ora a più bassi livelli, altrove s'esprime ancora esponenzialmente. Aggiungendosi sempre nuovi lavoratori e sempre nuovi consumatori a quelli già esistenti, sarebbe assolutamente irrazionale pretendere che si avesse una decrescita economica, pur con tutta la volontà possibile tesa verso una auspicabile sobrietà di vita. Ed infatti le mastodontiche colate di cemento degli ultimi anni sono dovute proprio alla spinta economica esterna agente sulla nostra interna.


Da questo quadro d'insieme, pur qui appena abbozzato e tutto ancora da approfondire nelle sue interazioni tra crescita demografica e crescita economica, si evince che, se si desidera intervenire efficacemente per salvare il territorio locale da ulteriori assalti, occorre necessariamente rivolgere la propria attenzione non tanto localmente quanto sulle interazioni globali. Mai nessun governo, italiano od estero, accetterà di rallentare l'economia o di volgerla al verde senza una intesa globale mirata soprattutto a che vengano mantenuti equilibri di potere che impediscano sopraffazioni ad opera degli uni o degli altri.

Da tutto ciò si evince pure la prioritaria necessità di fermare le nascite, naturalmente col solo intervento culturale, con l'informazione, l'educazione e l'intrattenimento, proprio come ora vengono ancora sospinte genitorialità e riproduzione. Perché alla base dell'economia, ad esercitare ogni qualsivoglia pratica economica, altro non vi sono che esseri umani. Aumentando il numero di questi, aumenta anche il volume dell'economia. Ed anche dipingendo di verde quest'ultima e ricorrendo agli artifici della moderna tecnologia, una ulteriore crescita demografica locale e globale non potrà che gonfiare ancor più la complessiva crescita. Rischiando pure una destabilizzazione delle società, già ora marcata, fino a renderle ingovernabili a meno di pesanti interventi autoritari.


In sintesi: si suggerisce di concentrarsi su un temporaneo fermo delle nascite, tramite un mutamento di modelli culturali, e sulla stipula di patti internazionali, mirati a stabilire opportune condizioni di equilibrio demografico/economico a fini di pace globale.


Cercando di intervenire localmente, ad esempio per salvare il territorio o qualsivoglia altro bene, con autoritari interventi tesi ad obbligare e vietare, non si otterrà altro risultato che esacerbare la già pessima qualità della vita ed accelerare i processi di ribellione nei confronti dell'autorità costituita e di sfaldamento sociale in genere. Un governo italiano, quale che sia e sarà, volentieri infatti costringerà, ed anzi già lo sta facendo, le singole persone a provvedimenti restrittivi fino a privarle di diritti fondamentali quale ad esempio quello della libera espressione di sè sulla propria terra, confinandole e rinchiudendole nei lager urbani. Ma mai accetterà di ostacolare le imprese e l'economia, poiché solo queste ormai difendono il Paese da aggressioni esterne.

Anche nel migliore dei casi, in cui il potere della lobby cementifera venisse ridotto, il risultato non cambierebbe nè potrebbe: perché l'aggressione si sposterebbe altrove od amplierebbe la sua sfera d'azione, non potendosi essa interrompere da sola, senza un nostro intervento attivo, consapevole e mirato, alla radice dei problemi.



Danilo D'Antonio
Laboratorio Eudemonia


pil-contro-pil
il-senso-della-crescita
e-quanti-allora
una-nuova-riforma-agraria
it.wikipedia.org/wiki/Demografia_dell%27Italia
it.wikipedia.org/wiki/Rapporto_sui_limiti_dello_sviluppo


LVAMM_1.3_12/01/40






I N T E R A Z I O N I & S V I L U P P O D ' I D E E


Antefatto --- Radicati Autoritari --- Stato Formativo --- Sdegno!

Libertà risorga! --- Fermate le macchine, ragioniamo --- Togliere ai poveri per dare ai ricchi!

IL MODO CORRETTO DI GESTIRE IL TERRITORIO

Il pollaio della Giovanna - quando le donne aprono gli occhi

Comprate terreni in Toscana

Il gioco delle differenze
(STOP AL CONSUMO DI TERRITORIO)


I diritti soppressi: il fondamento dell'economia cannibale

I Sem Terra ed i pirla delle Associazioni

Il protocollo Boscimani

Ai "gestori del territorio" ed amministratori in genere

La verità sul PAESAGGISMO




DIPARTIMENTO per il GIUSTO MUTAMENTO
Copyright © Laboratorio Eudemonia. Alcuni diritti concessi
Sito Web attivo dal 30 - Versione 5.0 - Webworks by HyperLinker.com